Natale a Testaccio: cose da fare, da vedere e da mangiare

Natale a TestaccioTestaccio è uno dei quartieri più vivaci e popolosi della capitale d’Italia. Un vero e proprio luogo di interesse per tutti coloro che vogliono trascorrere un momento felice insieme ai loro cari, con il Capodanno Romano o il Natale. 

Se hai provato altri quartieri affollati di turisti nella capitale italiana di Roma e sei pronto per qualcosa di diverso, per un capodanno a Roma diverso dagli altri, visita Testaccio, definito dalla gente del posto il “cuore di Roma”. Questo quartiere è ancorato dai vecchi recinti per il bestiame e da una collina fatta di anfore (antichi vasi romani) di navi sul vicino fiume Tevere, frantumate e scartate.

La collina di Monte Testaccio è stata trasformata in un luogo con dove troverete discoteche sontuosi e wine bar. È dove la bella gente di Roma va a godersi la sua dolce vita. Buongustai come Testaccio a causa delle tradizioni che circondano i cibi attribuiti ai primi operai del cortile come le interiora cotte in uno stufato. Questi piatti si trovano oggi nei ristoranti locali Testaccio. Il quartiere è un posto divertente per esplorare non solo la storia. Ma molte altre attrazioni tra cui pizzerie, un vivace mercato coperto e negozi con cibi biologici internazionali.

Si tratta di una delle località migliori dove portare la famiglia in occasione delle festività, in modo speciale Natale e Capodanno. Ecco cosa potresti fare, se ti dovessi organizzare per recarti lì con tutta quanta la tua famiglia. 

Cose da fare e da vedere (e dove mangiare) per Natale a Testaccio in occasione delle Feste

Il monte Testaccio e i locali 

La collina conosciuta come Monte Testaccio raggiunge i 150 piedi di altezza e si estende per circa 220.000 piedi quadrati, e si dice che abbia circa 53 milioni di frammenti rotti di vasi di terracotta. Queste anfore venivano utilizzate per il trasporto di olio d’oliva, miele, vino e altri beni. Conosciuto anche come Monte dei Cocci, Monte dei Frammenti, “la collina si trova vicino all’ubicazione dell’antico porto fluviale del Tevere e dei magazzini, che sarebbero stati utilizzati per immagazzinare merci importate come l’olio d’oliva spedito in quelle giare.

Negli anni sono state aggiunte facciate e murales interessanti a sezioni del quartiere di Monte Testaccio per trasformarlo in un centro di locali e ristoranti. Questi ospitano alcuni dei migliori ristoranti della Capitale. Parliamo di osterie, per la gran parte, ossia i locali più caratteristici di questa zona d’Italia, che offrono piatti tipici come le puntarelle romane, i carciofi ripieni, i primi piatti che tutti quanti conosciamo e amiamo e la porchetta. Sono tantissime le ricette più classiche dell’enogastronomia locale. E a Natale e Capodanno questi si arricchiscono ancora di più, grazie a un’atmosfera ancora più goliardica e gioiosa. 

Natale a Testaccio: Colazione nei bar per assaggiare la caffetteria e la pasticceria

Una delle cose che caratterizzano maggiormente gli italiani è il caffè, cento volte più buono se accompagnato dall’assaggio di qualche dolcino tipico, pieno di crema. I migliori dolci romani sono senza dubbio quelli che vengono realizzati e venduti nel periodo natalizio. 

Il cimitero miliare di Commonwealth e quello di Acattolico

Oltre alla parte di vita sociale di cui parlavamo, non si può andare a Testaccio e non  visitare il cimitero miliare di Commonwealth.

Esso lo si trova alla fine di via Galvani arrivando a via Zabaglia. La visuale che avrai davanti è molto suggestiva: vedrai un insieme di lapidi bianche in un prato verde.

Qui si trova un pezzo di storia dolorosa per il nostro Paese e per il mondo. Infatti parliamo di uno dei 37 cimiteri distribuiti in Italia dove sono sepolti oltre 50000 soldati caduti durante la seconda guerra mondiale. 

Andando avanti o meglio di fronte c’è un cimitero dei protestanti o acattolico dove troverai le tombe con le spoglie di personaggi molto importanti nella storia della nostra collettività.

Solo per citarne alcuni: John Keates, Antonio Gramsci,  Carlo Emiliano Gadda.

Quello che avevano in comune è che  essi non volevano essere sepolti in un cimitero cattolico perchè  di altra religione.

Il bello di visitare Natale a Testaccio è  aver accesso a dei posti meravigliosi, di grande importanza storica, artistica e culturale, oltre a potersi divertire, socializzare e provare prodotti buonissimi